Crocifisso della basilica di San Oliva -Cori-

17039012_1862798457325630_2936185320917247189_o

La chiesa di S. Oliva di Cori è un meraviglioso tempio pagano e nello stesso tempo chiesa medievale accresciuta nel tempo. All’interno troverete una cappella interamente affrescata.

Il tempio romano

A chi fosse dedicato il tempio che sorgeva in origine sulla piazza, alla confluenza delle vie più importanti di Cori, è tuttora un mistero. Per molto tempo si è pensato che fosse in onore di Giano, sulla base di un’iscrizione affissa sulla facciata della chiesa, ma l’ipotesi è molto controversa. Potrebbe trattarsi, invece, di una divinità femminile, dato il ritrovamento di una mano forse di donna appartenente a una statua alta oltre 4 metricori vist verso l agro

Tutto quel che sappiamo è che l’edificio fu costruito tra il III e il I secolo a.C., aveva davanti alla cella un pronao con quattro colonne frontali in stile ionico o corinzio, ed era di dimensioni imponenti: largo circa 10 metri e lungo 17, poggiava su un podio alto 2 metri a cui si accedeva da una scalinata. Oggi ne sono rimaste poche tracce, tra cui una colonna accanto al portale principale dell’attuale chiesa e una colonna all’interno, subito a sinistra dell’ingresso.

La chiesa di S. Oliva e il campanile

cori 2

Nel XII secolo il tempio fu inglobato da una chiesa con campanile dedicata a S. Oliva di Anagni, patrona di Cori. La chiesa aveva un singolare ingresso a doppio fornice, chiuso e sostituito con un portale alla fine del Quattrocento.

Il campanile, che alterna strati di calcare e tufo, è decorato, in alto, con tre ciotole policrome. Quelle esposte sono copie, mentre le originali sono conservate nel Museo della città e del territorio. La parte terminale della struttura risale al XVII secolo.

L’interno fu diviso in tre navate nel XIII sec., e alla fine del XV furono aggiunte le due file di colonne centrali. Le pitture, di epoche diverse, raffigurano sulla volta il Cristo Pantocrator circondato dagli Evangelisti  e, sulla parete, S. Cristoforo che attraversa il fiume con Gesù bambino sulle spalle (inizio XIV sec.); sull’altare della parete di fondo, S. Oliva tra S. Monica e S. Agostino (ultimo ventennio del XV sec.); ai lati, S. Vito e la Madonna (XVII secolo).

*Incontro: Presso Edicola Cormio in via Emanuele Filiberto n 16 a Latina per spostarci con accompagnatore dell’Associazione culturale con auto di proprietà o con (bus o minivan prenotato almeno 48 ore prima) presso Cori.

Iscriviti e contattaci per visitare l’area con i nostri amici iscritti esperti in archeologia.

Per info 320-7950343 o scrivi a latinainitinere@gmail.com


Cerca

Seguici su Instagram

No images found!
Try some other hashtag or username

CTG PER LA SCUOLA

il Centro Turistico Giovanile Latina in itinere si avvale della collaborazione della Talamata Viaggi per le attivita di promozione del territorio.